Granny Smith

grannysmith.jpg

Questa varietà verde acquistò importanza negli anni Sessanta anche in Europa, diffondendosi molto velocemente soprattutto in Francia ed Italia.
Origine: è un semenzale ottenuto casualmente. Maria-Ann Smith lo scoprì nel 1868 nel suo giardino nelle vicinanze di Sydney / Australia, lo chiamò „nonna" e così ebbe inizio il successo mondiale della „Granny Smith".
Il frutto: di grandezza da media a grande e colore verde erba.
Sapore: fresco, succoso, leggermente aspro, polpa compatta.
Maturazione: inizio ottobre.
Consigli: è buonissima consumata cruda, ma si presta anche ad essere cotta o utilizzata per la preparazione di dessert, macedonie, strudel e torte, cocktail e composte
Aspetto: Frutto sano, pulito e privo di residui. Maturazione e colorazione omogenee, con lenticelle evidenti.
Colorazione: Buccia: verde intenso e brillante, anche a piena maturazione. Polpa: bianca
Forma: Tronco-cronica simmetrica
Qualità organolettiche: Polpa consistente, succosa, con un caratteristico sapore acidulo
Grado rifrattometrico: Consumo: 13. Conservazione: 10
In commercio: Dal 15 settembre al 15 maggio
Conservazione: A temperatura di 8-10 °C si possono conservare oltre 120 ore dal momento dell’arrivo in magazzino. La temperatura di conservazione per lungo periodo può variare tra 0.5 ed 1.5 °C.
Manipolazione: Frutti resistenti alle manipolazioni. Possibilità di sovrapporre i frutti in esposizione sul punto vendita. E’ comunque consigliabile svuotare i contenitori con cautela.
Azioni da evitare: Da evitare le eccessive manipolazioni, che provocano danni da ammaccature.

Quantità media prodotta per anno: 300.000 kg

Periodo di commercializzazione: da metà Ottobre sino a Giugno dell'anno successivo